Il galateo dello smart working

Versione stampabile

Per garantire il distanziamento e la sicurezza a causa del Coronavirus, a partire dalla scorsa primavera molti lavoratori sono stati costretti a trasferire la scrivania dall’ufficio alla propria abitazione. Smart working, lavoro agile e telelavoro sono tra le parole più usate quotidianamente in questo periodo di emergenza Covid-19, ed è diventato normale relazionarsi con gli altri tramite strumenti di comunicazione digitale. Questa pandemia mondiale ci ha costretto a rivedere anche il galateo, perché lavorare in casa non significa comportarsi in modo poco professionale. Ecco alcuni suggerimenti da mettere in pratica per non perdere credibilità nei confronti dell’azienda per cui lavori.

La postazione di lavoro
Se non hai una stanza adibita a ufficio, durante il lockdown crea una postazione ad hoc. Che, tradotto in poche parole, significa: non sistemarti in una zona della casa dove c’è un continuo viavai o sul balcone che dà su una strada trafficata, e non trascurare lo sfondo (ideale una parete bianca o una libreria) se prevedi che ci saranno videochiamate.

Gli orari
Lavorare da casa durante il lockdown non significa non avere orari, invertire il giorno con la notte, prendendosi la libertà di scrivere email alle 3 del mattino. Attieniti agli orari d’ufficio, in modo da non disturbare i tuoi interlocutori in momenti sconvenienti.

Il look
Se durante l’emergenza Covid-19 il lavoro è agile, anche il tuo look deve esserlo. Perfetto un abbigliamento largo, morbido, comodo purché non trasandato e non si tratti del pigiama oversize. Non trascurare i capelli, e il trucco, se ne fai uso. L’ordine innanzitutto, e non solo per te stesso. Pensa che passerai diverso tempo in videochiamata!

La pianificazione
Programma la tua giornata cercando di coordinare le varie attività con il team di lavoro. Non lasciarti distrarre da chat, social media, lievito e caffè a qualsiasi ora del giorno.

Le email
Non sommergere la posta dei colleghi con comunicazioni via email. Una telefonata o una videochiamata a volte, è più chiara e delucidante.

Le videochiamate
Cura le riunioni virtuali, soprattutto se attivi la telecamera. Scegli un outfit consono a un incontro di lavoro, prediligi uno sfondo neutro, controlla la luce e la connessione, assicurati di non essere continuamente interrotto da bambini, animali, visitatori o pentole sui fornelli. Durante la riunione, guarda sempre lo schermo, ma non usarlo per sistemarti continuamente i capelli. Disattiva il microfono se l’ambiente attorno a te è rumoroso, oppure usa gli auricolari del cellulare per isolarti dal brusio circostante. Saluta sempre, rispetta gli orari, non fare spuntini, non parlare sopra gli altri, e chiedi sempre il permesso se vuoi prendere la parola.

Le chat
I gruppi Whatsapp o Telegram sono utili per comunicare con i colleghi in tempo reale. Ricordati che gli interlocutori sono colleghi e non amici, per cui mantieni sempre un tono cortese, non scrivere in piena notte, evita le emoticon e le vignette su Conte, esprimi diversi concetti in un unico messaggio, rileggi ciò che hai scritto. Il t9 non mancherà di farti fare brutta figura perfino col tuo capo! Ricorda che una telefonata, a volte, è meglio di una caterva di messaggi.

I saluti
Avvisa sempre i colleghi in ufficio se ti devi assentare o hai terminato la tua giornata lavorativa. Rispetta gli orari altrui, soprattutto se tratti con persone dall’altra parte del mondo. A nessuno farà piacere alzarsi per una riunione alle 5 del mattino!

 

shadow

Commenti

Aggiungi un commento